La Chiesa Bianca

Il Conte de Renesse fece costruire la chiesa nel 1882, secondo il progetto del famoso architetto belga Jules Rauh.

I lavori di costruzione vennero iniziati il 16 giugno 1882 e il 16 settembre dello stesso anno la chiesa era già stata completata.

La Contessa de Renesse la regalò poi all’Hotel Kursaal. Di seguito fu ceduta alla comunità anglicana, per poi divenire, nel 1967, la chiesa cattolica di Maloja. Quando, successivamente, fu inaugurata la nuova chiesa di Maloja, dotata tra l’altro di un impianto di riscaldamento, la vecchia chiesa di San Gaudenz – così si chiamava ufficialmente – fu sconsacrata.

Adesso si chiama Chiesa Bianca. È stata restaurata grazie ad un’iniziativa privata e costituisce attualmente un luogo d’incontro che ospita rappresentazioni di vario genere: concerti, presentazioni di libri, feste e celebrazioni. Nella graziosa chiesetta si sono celebrati anche nozze e battesimi. Accanto alla chiesa viene installata in estate una scacchiera e ogni partita, giocata qui, in mezzo all’incantevole paesaggio, è uno splendido piacere.

Ogni anno, in agosto, vi si tiene una mostra, appuntamento fisso della vita culturale di Maloja.

Ovviamente anche nel 2015 se ne farà una:

16 luglio ore 18:30 – Innaugurazione della mostra “Giovanni Segantini – Quadri e lettere”

E ancora, il 8 agosto sono invitati tutti alla “Festa degli incontri” (Fest der Begegnung).

Programma:

Ore 18:30 – Si visita l’esposizione
Poi si cena, con tutti gli amici della Chiesa Bianca ed ospiti.

Ore 20:00 – Concerto – “i canti de Li osc’ da Forba’”

Li Osc’ da Forba’ è un piccolo delizioso coro di Poschiavo che con il suo programma ha il potere di affascinare chi lo ascolta. Inoltre il programma è originale e vario. Si può proprio notare che la loro gioia nel cantare è come un fascio di luce viva.